ARTE ED ECOLOGIA: UN INCONTRO FORMATIVO

Il giorno 21 ottobre, nell’auditorium della scuola De Gasperi, è stato rappresentato lo spettacolo ‘SCARTOON, NO ALLA CULTURA DELLO SCARTO E DELLO SPRECO’, rivolto agli alunni delle terze e realizzato in collaborazione con il Comune di Corato – Assessorato alle Politiche Educative e Culturali. La “cultura dello scarto” ha costituito il tema dello spettacolo e in modo particolare la questione del riciclo, le cause e i comportamenti che portano allo spreco e la necessità di una vera inclusione sociale.

Questa esibizione teatrale è stata inserita nel programma “Sognitudo”, evento che sempre prevede importanti riflessioni sugli Obiettivi dell’Agenda 2030 e che, attraverso attività artistiche e creative, ha lo scopo di promuovere e sostenere la formazione allo sviluppo sostenibile.

Il nome “Sognitudo” indica la misurazione del sogno: è una misura come la magnitudo per l’energia sprigionata da un evento sismico. Esprime il sogno di un’energia vitale che conduce al cambiamento.

Laboratori di comunicazione espressiva, mostre, workshop, video social, incontri-dibattiti, spettacoli teatrali hanno connotato in modo significativo questa manifestazione. Nella misura in cui un sogno è la dimensione più profonda di un desiderio, il progetto “Sognitudo” lo è di un’aspirazione imprescindibile e si propone di realizzare tutto ciò che è propedeutico al cambiamento comunitario affinché lo sviluppo sostenibile sia una meta concreta verso cui procedere.

Proprio perché l’aspetto comunitario è ciò che contraddistingue questo progetto di ampio respiro, “Sognitudo” ha inteso coinvolgere i cittadini, gli studenti, le famiglie, le associazioni, le scuole e gli imprenditori. In quest’ottica tutte le attività sono state pensate come esperienze segnate da un dialogo tanto continuo quanto incisivo.

I macro obiettivi sono stati quelli di sensibilizzare e mobilitare cittadini, imprese, istituzioni e associazioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale e incentivare un urgente e vitale cambiamento culturale in fatto di rispetto per l’ambiente.
A Corato la Fondazione Vincenzo Casillo ha rinnovato il sodalizio con la direzione artistica del regista teatrale Francesco Martinelli, proponendo anche quest’anno la 2° Edizione di Sognitudo 2030 al fine di aumentare la consapevolezza sui temi dello sviluppo sostenibile, far circolare informazioni e stimolare nuove idee.
La manifestazione, patrocinata dal Comune di Corato, si è svolta in collaborazione con Teatro delle Molliche, Associazione Culturale FOS, Secop Lab, Arcadia Kinema, Associazione Musicale Fausto Zadra, Circolo Laudato Sì di Corato, Associazione Mobius Circle e Buoncampo.

 

Luciana De Palma

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *