UN DIARIO SCOLASTICO PER ANNOTARE SPUNTI DI CRESCITA

 

Se può servire un diario scolastico per avvicinare i bambini e le bambine ai valori dell’amicizia e della solidarietà, allora che ben venga il progetto “Il Mio Diario”, realizzato dalla Polizia di Stato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e con il sostegno del Ministero dell’Economia e delle Finanze e dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che prevede la consegna di agende scolastiche agli alunni iscritti nell’anno scolastico 2021/2022 alla classe quarta della Scuola Primaria.
Protagonisti di questo diario sono i personaggi Vis e Musa che aiuteranno i piccoli cittadini di domani a conoscere l’importanza della Costituzione, puntando l’attenzione soprattutto sui primi 12 articoli.

Altri temi di cui Vis e Musa racconteranno sono quelli dello sport, dell’inclusione sociale, della cura dell’ambiente, dell’educazione stradale, della salute, dell’utilizzo di internet.

I poliziotti dei Commissariati di P.S. di Corato, Andria e Gravina in Puglia hanno consegnato oltre quattro mila diari scolastici agli studenti delle scuole dei seguenti comuni: Andria, Altamura, Corato, Giovinazzo, Gravina in Puglia, Molfetta, Poggiorsini, Ruvo di Puglia, Santeramo in Colle, Spinazzola e Terlizzi.

Il rispetto delle regole, a cui i docenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado già provvedono quotidianamente attraverso il dialogo con gli alunni e lezioni interdisciplinari, è sempre la base solida su cui edificare un impianto sociale quanto più vicino ad un’ideale di armonia e condivisone.

Per questo partire fin da subito con un approccio sereno e divertente ad argomenti che hanno una validità universale quando imprescindibile può significare molto, soprattutto riuscire a radicare concetti che oggi gli adulti disattendono con troppa superficialità.

Il mondo è sempre di chi verrà, di chi lo riceverà in eredità, di chi lo prenderà in carico quando ne avrà l’età e le capacità per viverlo pienamente: promuovere una consapevole visione dell’appartenenza ad una globalità di intenti e prospettive darà certamente maggiore propulsione a quel desiderio di pace e concordia verso cui ogni essere umano tende con tutto se stesso.

“La mia libertà finisce dove comincia la vostra”, ha detto Martin Luther King.

E questa è la più alta e nobile forma di felicità per tutti.

 

Luciana De Palma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *