Tu sei qui

DIDATTICA A DISTANZA E SOLIDARIETA'

Contenuto in: 

DIDATTICA A DISTANZA E SOLIDARIETA’

L’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del virus Covid 19 ha posto la Scuola di fronte al problema di dover continuare la propria opera di educazione e di formazione attraverso metodologie e strumentazioni differenti da quelle normalmente attivate.

Si è dovuto pensare a strategie per superare le barriere fisiche e per offrire agli studenti la continuità di apprendimento, coinvolgendoli attraverso la didattica a distanza, altrimenti detta DAD.

L’apprendimento a distanza era già stato adoperato nel 1833 in Svezia, realizzando corsi per corrispondenza o, molti anni dopo, in altre nazioni, facendo uso di videocassette o di audiocassette per approfondire lo studio di lingue straniere.

Oggigiorno l’uso di internet e la diffusa possibilità di accedere facilmente alla vasta gamma di tecnologie hanno consentito nuove modalità di condivisione delle conoscenze: è indubbio che anche la scuola ne sia stata profondamente influenzata, accogliendo evidenti ricadute sulla didattica e sulla formazione.

Al disagio dovuto all’obbligo di restare a casa, per evitare la diffusione del suddetto virus, si è potuto mediare attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici che hanno permesso agli studenti, di ogni ordine e grado, di applicarsi allo studio, sebbene in una modalità che esclude la dimensione della classe vera e propria.

L’apprendimento a distanza consente, nonostante le palesi difficoltà di docenti e alunni, di insegnare e di studiare da casa, rispettando il più possibile i tempi e gli spazi delle parti interessate.

In questa situazione di necessari adattamenti alla realtà, stravolta dal virus Covid19, la Fondazione Cannillo ha dimostrato una lodevole quanto straordinaria attenzione verso la questione della didattica a distanza da cui molti bambini e/o ragazzi del nostro territorio rischiavano di restare esclusi a causa di difficoltà di ordine economico e sociale. La stessa Fondazione ha attivato il progetto ‘Restiamo in contatto’, il cui obbiettivo principale è stato quello di mettere a disposizione degli studenti meno abbienti dispositivi digitali per migliorare la fruizione della didattica attraverso le modalità di apprendimento a distanza.

Tali dispositivi saranno consegnati a domicilio domani martedì 28 aprile dai Carabinieri di Corato: per questo corre l’obbligo di ringraziare il Comandante della Compagnia Magg. Nacca e della stazione Mar. Dimiccoli.

Per tale dimostrazione di generosità e di luminosa solidarietà la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo ‘Tattoli - De Gasperi’, Dott.ssa Maria Rosaria De Simone, intende ufficialmente ringraziare Franco, Nicolangela e Pippo Cannillo e l’intero staff nella persona di Lucia Zitoli: l’istituzione scolastica, sempre attenta a garantire l’equità nell’offerta educativa, non può che sentirsi sollevata da questo aiuto materiale che consente di assicurare il diritto allo studio costituzionalmente garantito a tutti.

In questi tempi quanto è vero ciò che David Eddings ha scritto: ‘Nessuna giornata in cui si è imparato qualcosa è andata persa’!

Luciana De Palma

 

Sito sul modello realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.